Olio di cannabis contro l'epilessia nei bambini

Olio di cannabis contro l’epilessia nei bambini

La cannabis può essere usata per trattare un gran numero di problemi di salute. Una delle applicazioni più promettenti per la cannabis è il trattamento dell’epilessia, un disturbo cerebrale che provoca convulsioni.

Alcuni composti di questa pianta medicinale, come il  cannabidiolo CBD , possono essere utili nel trattamento dell’epilessia e di altri disturbi correlati alle crisi. In particolar modo i bambini traggono beneficio dal trattamento con olio di CBD .

Cos’è l’epilessia?

L’epilessia è una malattia del cervello caratterizzata da attacchi improvvisi e ricorrenti. I trigger, ovvero le situazioni che innescano tale meccanismo, possono essere il risultato di un infortunio:

  • lesioni cerebrali
  • tumori cerebrali
  • ictus
  • infezione

Nella maggior parte dei casi, tuttavia, la causa è sconosciuta e l’epilessia si presenta come una diagnosi singola. Esistono circa 40 diversi tipi di epilessia, e potrebbero essercene anche di nuove. Tra le tante esistono ad esempio:

  • frontale
  • focale
  • parziale
  • convulsioni toniche

La malattia si verifica in una vasta gamma di gravità delle crisi. Inoltre, ci sono molti diversi tipi di convulsioni.

Più di 50 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di epilessia. La maggior parte dei casi si osserva nei paesi in via di sviluppo. In totale, sono interessati circa 470.000 bambini. L’epilessia interessa 1 persona su 26 negli Stati Uniti.

La maggior parte dei nuovi casi di epilessia viene diagnosticata nei neonati o negli anziani, ma il disturbo può iniziare in qualsiasi momento della vita.

Negli Stati Uniti, è la terza malattia neurologica più comune dopo l’Alzheimer e l’ictus.

Soprattutto per i bambini ed i genitori, l’onere è particolarmente alto. I piccoli vengono messi negli ospedali, presentati agli specialisti, ripetutamente testati e devono provare un farmaco dopo l’altro, fino a quando non si raggiunge un risultato. Spesso si incontrano isolamento e depressione. I genitori devono prendersi cura del loro bambino ogni secondo, aspettando il prossimo attacco, contando gli episodi e documentandone la durata e l’intensità.

In particolare, i genitori di bambini con epilessia devono occuparsi di farmaci e dei loro effetti collaterali, trattare con diete speciali (ad esempio dieta chetogenica) o avere il bambino trattato neurochirurgicamente, solo per prevenire il prossimo attacco.

Troppo spesso, tutti questi trattamenti non aiutano, e l’aumento degli episodi sconvolge la vita familiare. Quello che segue sono ricoveri in ospedale, più test, e più effetti collaterali.

CBD e THC contro l’epilessia

CBD e THC sono due componenti essenziali della cannabis. Sembrano avere effetti diversi sull’epilessia. Alcuni esperti raccomandano solo prodotti CBD, altri consigliano prodotti che contengono sia THC che CBD.

La storia della cannabis e dell’epilessia

Gli esseri umani hanno usato la cannabis per le sue proprietà medicinali per migliaia di anni. Sono stati trovati documenti nell’antica Cina, in India e in Medio Oriente che dimostrano l’uso della cannabis medicinale e terapeutica.

L’uso medico occidentale della marijuana fu probabilmente avviato nel 19° secolo dal dott. William O’Shaughnessy. Il medico irlandese ha documentato alcune proprietà medicinali della cannabis in un articolo pubblicato nel 1843.

Nel 2011, solo pochi anni fa, i fratelli Stanley svilupparono una varietà di marijuana con alto contenuto di CBD e poco o nessun THC. Il risultato è stato insolito in quanto i consumatori di cannabis non hanno ottenuto il tipico effetto stupefacente del prodotto. Ma la reazione della bambina Charlotte Figi è stata sorprendente. Figi soffriva di una rara condizione nota come sindrome di Dravet, che causava oltre 300 attacchi epilettici a settimana. Usando il ceppo di cannabis dei fratelli Stanley, l’incidenza delle convulsioni di Charlotte è diminuita drasticamente. Il numero di attacchi è diminuito da 300 a solo 3 alla settimana con soli 8 mesi di trattamento.

Il ceppo è stato chiamato Charlotte’s Web in suo onore, e da allora è stato usato per trattare molti altri epilettici resistenti ai trattamenti tradizionali.

Olio di CBD ed epilessia

Il composto chimico specifico del CBD sembra essere un trattamento promettente per l’epilessia. Il CBD è preferito rispetto al THC nel trattamento dell’epilessia perché non è psicoattivo.

I risultati iniziali mostrano che può ridurre le convulsioni in forme di epilessia resistenti al trattamento tradizionale. L’olio di CBD sembra essere sicuro per i bambini. Tuttavia, gli effetti a lungo termine sul cervello in via di sviluppo non sono stati ancora studiati.

Come la maggior parte dei farmaci, il trattamento con CBD può avere degli effetti collaterali tra i quali:

  • bocca secca
  • diarrea
  • stanchezza e sonnolenza
  • un cambiamento nell’assorbimento di altri farmaci nel fegato

La CBD ha dei limiti e non è una panacea. Spesso deve essere prescritto in combinazione con altre terapie per l’epilessia per ottenere il massimo effetto.

I ricercatori sono ottimisti riguardo al trattamento dell’epilessia con CBD. Tuttavia, non esiste ancora una sicurezza sugli effetti a lungo termine e l’efficacia del farmaco.

L’esatto meccanismo del cannabidiolo, che aiuta ad alleviare i sintomi epilettici, non è del tutto chiaro.

THC ed epilessia

Il THC è stato in gran parte escluso dal trattamento dell’epilessia a causa del suo effetto psicoattivo. Ci sono oltretutto studi che affermano che il THC potrebbe effettivamente aumentare l’attività epilettica.

Tuttavia, il THC agisce generalmente come un anticonvulsivante e può aumentare l’efficacia di altri anticonvulsivanti. Pertanto, potrebbe anche essere importante utilizzare una certa quantità di THC per massimizzare la riduzione delle crisi.

Uno studio ha rilevato che i pazienti hanno mostrato una significativa riduzione delle convulsioni con un rapporto 20:1 tra CBD e THC. La miscela di THC e CBD utilizzata per controllare le crisi epilettiche non funziona in tutti i pazienti.

Ricerca

Molti scienziati concordano sul fatto che la cannabis potrebbe essere un modo per curare l’epilessia. Tuttavia, è necessaria molta più ricerca sugli esseri umani per giungere ad una conclusione definitiva. I casi attualmente studiati, tuttavia, supportano l’idea che la cannabis possa aiutare a curare l’epilessia.

Sono stati condotti pochi studi sulla correlazione tra cannabis ed epilessia sul corpo umano, ma ci sono alcune promettenti ricerche da parte di GW Pharmaceuticals. L’azienda produce Epidiolex, ovvero un estratto di CBD purificato a base di olio al 99% proveniente dalla pianta di canapa. Attualmente viene clinicamente testato in diversi paesi.

Negli Stati Uniti, questo prodotto è stato testato per le forme di epilessia resistenti al trattamento tradizionale come la sindrome di Dravet e la sindrome di Lennox-Gastaut.

Inoltre, la ricerca sugli animali suggerisce che il CBD abbia effetti anticonvulsivi.

Tuttavia, a causa della mancanza di studi clinici, non è chiaro se sia il THC, il CBD o una combinazione di entrambi il miglior trattamento per l’epilessia.

Studi sul CBD - sindrome di Lennox-Gastrodrug e sindrome di Dravet

Recentemente sono stati completati gli studi gold standard (studi controllati con placebo) per le epilessie difficili come la sindrome di Lennox-Gastaut (LGS) nei bambini e negli adulti e la sindrome di Dravet nei bambini. Il trattamento è stato con Epidiolex di GW Pharmaceuticals.

  • Le persone che hanno ricevuto Epidiolex avevano tra i 2 ei 26 anni con un’età media di 11 anni
  • Tutti soffrivano di epilessia che non rispondeva ai trattamenti attualmente disponibili
  • Durante lo studio, gli episodi sono diminuiti in media del 54%
  • Le persone che hanno assunto il farmaco Clobazam (Onfi) per le crisi sembravano avere una risposta migliore rispetto a quelle che non erano state trattate con questo farmaco.

I due studi con Epidiolex per LGS in bambini e adulti e per la sindrome di Dravet nei bambini hanno mostrato risultati promettenti.

  • Gli attacchi atonici sono stati ridotti di oltre il 40% nei due studi LGS rispetto a meno del 20% per le persone che hanno ricevuto il placebo, il che è statisticamente significativo.
  • Nello studio Dravet è stata osservata una riduzione del 40% delle crisi rispetto al 17% nel gruppo placebo. Ancora una volta, si ha un risultato significativo.

Sono in corso anche altri studi con Epidiolex in soggetti con sclerosi tuberosa.

È stato condotto uno studio israeliano con un prodotto a che conteneva 20 parti CBD per 1 parte di THC, per i bambini fino a 18 anni con difficoltà nel controllare l’epilessia. Un numero significativo di persone ha riportato una riduzione delle crisi, con il 7% che ha registrato un peggioramento delle convulsioni.

I risultati degli studi clinici hanno dimostrato che l’uso di CBD è straordinariamente potente per alleviare i sintomi di epilessia e per diminuire gli attacchi, non solo in intensità, ma anche in frequenza. L’effetto positivo che l’olio di cannabis ha sull’epilessia è una grande scoperta. Tuttavia, c’è ancora molto lavoro da fare per consentire al CBD di essere considerato come trattamento standard per l’epilessia. La maggior parte degli studi sono stati condotti su animali. Si necessita un numero molto maggiore di esperimenti sugli esseri umani. Tuttavia, gli studi risultano ancora complicati da condurre in quanto la cannabis viene ancora considerata illegale in molti paesi e le applicazioni di ricerca sono molto restrittive o difficili da rispettare. La ricerca, in particolare sugli esseri umani, è ancora agli inizi.

Trattamenti approvati per gli epilettici

Ogni opzione di trattamento presenta vantaggi e rischi specifici. Sfortunatamente, circa il 30% delle persone con epilessia non è in grado di controllare le proprie convulsioni con i trattamenti approvati. Molti pazienti sono alla ricerca di opzioni migliori.

  • Farmaci anticonvulsivanti : questi farmaci sono un trattamento comune per l’epilessia. Gli effetti collaterali possono includere vertigini , stanchezza, nausea, tremore, eruzione cutanea e aumento di peso. A causa dei gravi effetti collaterali degli anticonvulsivanti il 40% dei pazienti è stato costretto ad interrompere il trattamento.
  • Dieta chetogenica : è dimostrato che una dieta ricca di grassi e povera di carboidrati può aiutare a controllare l’epilessia. È particolarmente utile nei bambini.
  • Chirurgia cerebrale : quando le convulsioni provengono dalla stessa area cerebrale, a volte la sezione cerebrale viene rimossa. Gli effetti collaterali della chirurgia possono essere problemi di memoria, cambiamenti comportamentali e visione offuscata.
  • Stimolazione del cervello : l’applicazione della corrente elettrica in determinate aree può essere efficace nel trattamento dell’epilessia. Le complicanze della stimolazione comprendono l’infezione e l’aggravamento delle convulsioni.

Come funziona la cannabis nell’epilessia?

La cannabis sembra avere effetti anticonvulsivi, ma gli scienziati non sono ancora sicuri di come funzioni esattamente.

Studi su animali suggeriscono che sia grazie all’attivazione del recettore CB1 nel cervello (il recettore cannabinoide 1 nel sistema endocannabinoide) che la cannabis abbia effetti antiepilettici. Inoltre, risultati simili sono stati evidenziati anche con l’attivazione del recettore CB2 (recettore cannabinoide 2 nel sistema endocannabinoide).

La capacità della cannabis di ridurre le convulsioni è stata collegata a una sostanza chimica del cervello chiamata GABA (abbreviazione dell’acido γ-aminobutirrico del neurotrasmettitore). GABA riduce l’eccitazione delle cellule cerebrali e molti comuni farmaci per le crisi epilettiche funzionano appunto aumentando i livelli di GABA.

Quando i trattamenti convenzionali non funzionano, come nel caso di circa il 30% delle persone con epilessia, si potrebbe prendere in considerazione l’uso dei cannabinoidi.

Prospettiva

I punti fondamentali da tenere in considerazione per permettere al CBD di diventare un trattamento comprovato per l’epilessia sono:

  • i costi
  • la biocompatibilità
  • i potenziali effetti collaterali negativi a breve e lungo termine.

L’olio di CBD deve necessariamente essere sottoposto a tutti gli studi clinici necessari per diventi poter diventare un trattamento standard per l’epilessia. Sembra essere molto promettente per il controllo delle convulsioni e la cura dell’epilessia rispetto all’attuale terapia antiepilettica.

 

This article is also available in:
Cannabisöl gegen Epilepsie bei KindernCannabisöl gegen Epilepsie bei KindernCannabisolie imod børns epilepsiCBD olja mot epilepsi