La differenza tra olio di CBD e olio di cannabis

La differenza tra olio di CBD e olio di cannabis

Olio di cannabis e olio di CBD: le somiglianze

Come tutti gli oli di canapa, l’olio di CBD e l’olio di cannabis vengono ottenuti dalle piante di canapa. In entrambi gli olii sono infatti presenti i cannabinoidi. L’olio di CBD contiene solo una proporzione relativamente piccola di THC, a differenza di un olio con l’etichetta “olio di cannabis”.

Il contenuto di THC nell’olio di CBD è sempre inferiore allo 0,2 %. Solo così è possibile vendere legalmente questo olio di canapa in Italia. L’olio di CBD è fatto per contenere solo uno dei cannabinoidi della canapa, una sostanza nota come cannabidiolo.

Il THC è anche un cannabinoide. A differenza del cannabidiolo, il THC ha un effetto psicoattivo o psicotropo.

Se un prodotto viene offerto esplicitamente come olio di cannabis, è perché l’acquirente è autorizzato a sapere che il contenuto di THC nel prodotto offerto è appena superiore allo 0,2%.

Come sinonimi per il nome di olio di cannabis, vengono usati i termini “olio di hash”, “olio di marijuana” e “olio di THC”. Il nome “olio di canapa” è proprio come “olio di semi di canapa” riservato a tutti quei prodotti che sono fatti di semi di canapa, che sono anche chiamati “canapa”.

Sebbene l’olio di canapa contenga una grande quantità di acidi grassi insaturi come omega-3 e omega-6, i livelli di tracce di THC o CBD sono trascurabili. In rari casi, queste tracce possono essere dovute al fatto che durante la produzione, il materiale della pianta aderisce ai semi utilizzati. Nella produzione di oli di CBD o di cannabis, l’olio di canapa viene spesso utilizzato come additivo per portare il loro effetto al pieno sviluppo. Ci sono anche oli di cannabis a base di olio d’oliva.

Mentre in particolare negli Stati Uniti il ​​termine “olio di canapa” (Hemp Oil) è popolare e usato per descrivere tutto ciò che era una volta almeno parzialmente derivato da una pianta di canapa, in Italia con il nome di un olio con il termine generico “olio di cannabis” classifica un olio che non soddisfa la definizione più ristretta di olio di CBD. La distinzione concettuale ha quindi a che fare principalmente con le restanti restrizioni imposte dai requisiti legali.

Olio di cannabis

La differenza nella proporzione del THC contenuto è quindi chiara: l’olio di cannabis è spesso una percentuale del 50-80% di THC.

Tutti gli oli di cannabis, incluso l’olio di CBD, hanno dimostrato di essere efficaci nell’alleviare il dolore. In particolare il dolore cronico, per esempio, in relazione ai reumatismi o all’osteoartrite. I cannabinoidi combattono l’infiammazione. Applicati sulla pelle, gli unguenti e gli oli cannabinoidi sono efficaci rimedi per l’acne o la psoriasi. Poiché sono generalmente stimolanti e tonificanti per l’umore, i cannabinoidi sono spesso usati per trattare i problemi di salute mentale associati alla depressione o ai disturbi d’ansia. Nella medicina palliativa, l’uso di cannabidiolo è già consigliato. I cannabinoidi riducono lo stress e rilassano, Sono anche usati per porre rimedio a disturbi del sonno. Inoltre regolano l’appetito, possono alleviare costipazione e essere utilizzati contro l’obesità.

Un’esperienza esemplare è stata maturata nel 2003 dal canadese Rick Simpson. Lui aveva trattato un cancro della pelle diagnosticato con un olio di cannabis autocostruito ed ha poi affermato di avere sconfitto il cancro della pelle con olio di cannabis. Successivamente, Simpson avrebbe trattato con successo la psoriasi della madre e il melanoma di un amico con il suo olio di cannabis. La percentuale di THC dell’olio di cannabis prodotto da lui era quasi dell’80%. Naturalmente, tali resoconti di guarigioni quasi meravigliose devono essere considerati con scetticismo. Tuttavia, va anche notato che nel frattempo, la ricerca medica ha condotto molte serie di esperimenti, producendo risultati che dimostrano l’efficacia terapeutica dei cannabinoidi.

In generale si può dire che l’effetto dell’olio di cannabis è paragonabile a quello dell’olio di CBD, ma l’effetto è prevedibile in una forma significativamente maggiore.

Olio di cannabis per forti dolori

In alcuni casi l’olio di CBD non è sufficiente per alleviare i sintomi. I loro sintomi sono spesso così gravi che solo una combinazione di CBD e THC può aiutare. Soprattutto negli asmatici e chi soffre di allergie o di reumatismi. Solo una combinazione dei due principi porta ad un miglioramento significativo della condizione. Tuttavia, poiché il THC è coperto dalla legge sugli stupefacenti, chi cerca aiuto spesso evita di acquistare illegalmente e preferisce chiedere l’aiuto di un medico.

Dopo la modifica della Legge che regola gli stupefacenti nel 2017, la cannabis può essere legalmente utilizzata come sostanza medicinale. Richiede tuttavia ancora un permesso speciale del medico curante. E non è sempre facile trovare un medico che conosce abbastanza e prescrive.

L’olio di cannabis offerto in farmacia è chiamato Dronabinol. Viene anche offerto sotto forma di gocce. Le capsule contenenti THC contenenti olio di cannabis e assunte come compresse sono disponibili anche in farmacia. La preparazione si chiama Canemes. Un terzo farmaco comune è Sativex. Oltre a THC e CBD, contiene un altro principio attivo che è già stato dimostrato nel trattamento della sclerosi multipla e dell’epilessia. Questo rimedio è offerto come spray orale.

Il processo di produzione dalla coltivazione al prodotto finito

La canapa viene coltivata in Italia e controllata. L’olio di CBD è ottenuto da varietà di piante di canapa per le quali esiste uno speciale processo di approvazione. In tutta Europa, sono approvate circa 80 varietà di canapa. La coltivazione di queste varietà è consentita solo agli agricoltori certificati. Possono essere utilizzate solo sementi certificate. Il ministero federale dell’agricoltura e dell’alimentazione verifica annualmente se le condizioni in Italia corrispondono alle condizioni di ammissione. Se questo non è il caso, la varietà in questione potrebbe non essere più coltivata. Al momento della semina, è necessario dimostrare che il contenuto di THC della varietà in questione non è superiore al valore specificato dello 0,2%. I legislatori quindi lo danno per scontato ogni olio di cannabis disponibile in commercio è stato prodotto nelle condizioni descritte e controlla la conformità con gli standard degli agricoltori. Allo stesso tempo, controlla l’importazione di prodotti finiti di cannabis e sottopone questi prodotti alle proprie disposizioni statutarie. Nelle bevande analcoliche e alcoliche sono ammessi 5 microgrammi per chilogrammo, in oli commestibili 5000 microgrammi per chilogrammo e 150 microgrammi per chilogrammo rappresentano il limite massimo per tutti gli altri alimenti.

Ovviamente, i valori guida stabiliti dalla legge variano a livello internazionale, pertanto in alcuni casi la percentuale di THC per i prodotti all’estero potrebbe essere più elevata. Negli Stati Uniti, la cannabis è già legale in molti paesi. Poiché i requisiti legali non sono ancora uniformi a livello internazionale, al momento non è possibile offrire un olio di cannabis certificato per uno standard medico uniforme. Questo è uno dei motivi per cui puoi trovare le istruzioni su come fare olio di cannabis tu stesso su internet. Anche qui i valori forniscono un’indicazione: per sessanta grammi di olio, è già necessario circa mezzo chilo di fiori di cannabis essiccati.

Indipendentemente da tutti i requisiti legali, la maggior parte dei produttori di olio di cannabis è particolarmente orgogliosa del fatto che l’impianto da loro lavorato sia stato coltivato senza l’uso di pesticidi, erbicidi o fungicidi.

Effetto psicotropo

L’olio di cannabis è ufficialmente considerato psicoattivo da un livello di THC superiore allo 0,2%. Ma va notato che per la creazione di una varietà di cannabis stupefacente, normalmente si ha un contenuto di THC del 12-17%. Alcune varietà allevate appositamente per uso medico possono avere un contenuto molto più elevato di THC ben oltre il 25%. Quindi dovresti leggere attentamente la descrizione allegata all’olio, per essere sicuri dell’effetto che otterete.

Lo stato di intossicazione causato dall’ingestione di un prodotto con componenti di cannabinoidi può, ovviamente, essere un effetto collaterale indesiderabile. Tuttavia, la maggior parte dei consumatori si abitua rapidamente e di solito non percepisce il cambiamento a livello fisico come un disturbo. Rispetto agli effetti collaterali, come quelli che possono verificarsi con l’uso di cortisone, neurolettici o psicofarmaci, la cannabis rappresenta gli effetti collaterali più deboli e meno restrittivi per il consumatore. Gli utenti descrivono gli effetti collaterali che osservano come minimi e non li trovano stressanti.

 

This article is also available in:
Der Unterschied Zwischen CBD Öl Und CannabisölDer Unterschied Zwischen CBD Öl Und CannabisölForskellen mellem CBD olie og cannabis olie