Cannabis medica e marijuana come droga ricreativa

Cannabis medica e marijuana come droga ricreativa

C’è una graduale legalizzazione della marijuana negli Stati Uniti ma anche nella Repubblica Italiana. In Italia tuttavia è attualmente ancora importante la separazione tra:

  • le persone che si affidano alla marijuana come erba medicinale per alleviare la malattia o i sintomi delle cure mediche
  • i consumatori che usano la marijuana illegalmente come droga ricreativa.

Questa differenziazione tra la marijuana come pianta medicinale legale per i malati gravi e la marijuana, che è usata per sballarsi, solleva la questione se questo crei un mercato bipartito.

Marijuana come medicina

Una parola importante nel vocabolario di ogni paziente di cannabis medica è il cannabinoide  (in realtà fitocannabinoide). I cannabinoidi sono i composti sviluppati dai fiori di cannabis.

Alcuni fitocannabinoidi sono:

  • CBG (Cannabigerolo)
  • CBC (Cannabicromene )
  • CBD (Cannabidiolo)
  • CBND (Cannabinodiolo)
  • THC (Delta-9-tetraidrocannabinolo)
  • CBN (Cannabinolo)
  • CBT (Cannabitriolo)
  • CBE (Cannabielsoino)
  • CBL (Cannabiciclolo)
  • CBT (Cannabicitrano)
  • CBCN (Cannabicromanone)

I cannabinoidi riducono i sintomi di molte malattie. Il dolore e la nausea, specialmente nella terapia del cancro compresa l’infiammazione, e le paure. Ciò è dovuto al fatto che delle circa 85 specie di cannabinoidi di una pianta di marijuana, i due cannabinoidi THC e CBD nella sintesi aumentano il loro effetto. D’altra parte, i cannabinoidi possono imitare i composti che il nostro corpo produce naturalmente. Questi sono gli endocannabinoidi che portano a una maggiore stabilità interiore e aumentano o mantengono la salute.

Così cannabinoidi influenzano in modo simile agli oppiacei (vedi papavero). Ad oggi sono stati trovati due tipi di recettori cannabinoidi, chiamati CB1 e CB2. Ad essi, che si trovano naturalmente nel cervello, si legano i cannabinoidi.

Questi concetti sono i capisaldi della cannabis come medicina ed i risultati sono così promettenti che questi cannabinoidi sono sintetizzati per uso medico legale. Tuttavia, manca ancora una profonda conoscenza dei cannabinoidi nella pianta e del sistema endocrino di cannabinoidi.

La marijuana come droga ricreativa

Molti consumatori di cannabis come droga ricreativa possono sostenere che il consumo ha sempre un valore medicinale per l’individuo. Gli effetti reali dei cannabinoidi riflettono le aree del cervello con cui interagiscono. Il sistema limbico cambia positivamente. Si tratta di influenzare le abilità cognitive e psicomotorie. Il sistema mesolimbico è irritato. Si ha la sensazione di essere  ricompensati. Allo stesso tempo, anche qui viene influenzata la percezione del dolore.

Cannabis medica contro cannabis come droga ricreativa

C’è, lo si può vedere molto bene negli Stati Uniti, una grande differenza tra la cannabis utilizzata medicamente e quella che usa il consumatore ricreativo. Prima di tutto, la marijuana medica ha un alto contenuto di CBD mentre la marijuana ricreativa ha più THC. CDB è il cannabinoide che rende la cannabis medica. Maggiore è il contenuto di CBD, minore è la forza della marijuana. Il THC, d’altra parte, è un cannabinoide psicoattivo. Solo perché la marijuana medica ha un alto contenuto di CBD non significa che abbia un basso contenuto di THC.

Il CBD è probabilmente il cannabinoide più comune e compone al 40% la resina di cannabis. È interessante notare che il CBD può effettivamente avere effetti contro le paure e ridurre gli effetti psicoattivi del THC. Ciò significa che una pianta con una percentuale più elevata di CBD può ridurre l’intensità dell’effetto THC, riducendo l’efficacia psicotropa della pianta. È stato dimostrato che l’uso di una pianta di cannabis con meno CBD risulta in un maggiore effetto psicologico e in effetti collaterali indesiderati come l’ansia.

Quando si tratta di marijuana medica, la domanda è: quali effetti medici si vorrebbe avere? Naturalmente, la stessa domanda si pone anche per i consumatori ricreativi. Tuttavia, coloro che consumano la cannabis per sballarsi possono rivolgersi a marijuana con un contenuto di THC più alto.

In ogni caso , la cannabis ha i suoi effetti medici, ma la cannabis usata come droga ricreativa ha un effetto diverso da quello usato da un medico. A tale riguardo, esiste già un mercato di fatto diviso.

Marijuana medica: uno sguardo agli Stati Uniti

Anche negli Stati Uniti, l’ondata di legalizzazione della marijuana medica non sta andando avanti senza dibattito. Si discute degli effetti collaterali che l’uso di marijuana avrà sui consumatori di marijuana medica e se i benefici a breve termine giustifichino effetti a lungo termine. Nonostante tutte le controversie, non ci sono state ricerche sostanziali e test su questo argomento per mostrare risultati costruttivi.

Finora, ci sono solo alcuni studi (ad es. Harvard Medical School) per dimostrare come la marijuana medica influenzi le funzioni cognitive degli esseri umani nel trattamento di varie malattie. Allo stesso tempo, questi studi informano gli scienziati sui metodi di trattamento alternativi e sulla prevenzione del danno.

I risultati e gli effetti positivi a medio termine della cannabis medicinale sono stati provati. Finora, tuttavia, non ci sono studi fruttuosi a lungo termine. Questo vale anche per i consumatori a lungo termine di marijuana ricreativa.

Dal momento che di solito è anche possibile per i consumatori ricreativi ottenere e consumare marijuana medica in alcuni stati degli Stati Uniti, si dovrebbe fare anche qui una differenziazione.

Considerazioni economiche

Negli Stati Uniti, dove gli americani hanno legalizzato la cannabis, lo stato guadagna elevate somme di tasse attraverso il commercio e le vendite. In questi stati, in particolare, c’è stato un calo significativo del tasso di criminalità, che si estende a una drastica riduzione delle uccisioni legate alla droga (si veda la zona di Denver in Colorado: 53%).

La fine della criminalizzazione della cannabis per interesse personale è un grande passo avanti. Ci sarebbe una chiara diminuzione della guerra mondiale contro la droga, e le energie ed i mezzi potrebbero essere impiegati in maniera più efficace e costruttiva.

Il mercato in due parti negli Stati Uniti

I coltivatori di cannabis negli Stati Uniti hanno visto le proprie entrate aumentare da $1,5 miliardi nel 2013 a $2,7 miliardi nel 2014. Alcune previsioni per l’anno 2020 parlano di $35 miliardi. In tutto l’Oregon, le persone stanno cercando vendere prodotti di cannabis. I prodotti vanno dai dolci a vari estratti e altri prodotti. Il permesso di vendere in Colorado e Washington dal 2012 anche ai consumatori ricreativi, ha portato alla cosiddetta Green Rush.

Si diffonde un senso di ottimismo e altri stati, che sono in parte di fronte a un collasso economico, vedono la produzione e la vendita di cannabis in campo medico e tra i consumatori ricreativi come una potenziale soluzione per riportare l’economia in carreggiata.

La legalizzazione ha permesso agli agricoltori statunitensi di concentrarsi sulla produzione di marijuana di alta qualità invece di farla crescere in fattorie segrete e vendere il prodotto sul mercato nero. Soprattutto con la coltivazione di cannabis medicinale vi è una grande attenzione alla qualità. Né i pazienti né i consumatori ricreativi sapevano nulla sull’origine della pianta medicinale prima della legalizzazione, non riuscivano a capire i canali di distribuzione e spesso involontariamente si ritrovavano a sostenere la guerra mondiale della droga.

Negli Stati Uniti, tuttavia, esiste un  mercato bipartito. Circa la metà degli stati negli Stati Uniti è autorizzata a vendere marijuana medica. È un disastro nazionale negli Stati Uniti. L’altra metà degli stati dipende ancora dal mercato nero. Invece di cancellarli a livello nazionale, i commercianti locali, soprattutto dal Messico, stanno ancora facendo affari negli stati in cui è tuttora illegale, e desiderano migliorare la qualità delle loro merci per approdare nuovamente anche negli stati dove risulta legale. Le aspettative dei consumatori ricreativi negli Stati Uniti stanno aumentando. Sorge la domanda su quanto l’uso della marijuana medica possa soddisfare questi consumatori. I fabbricanti e i venditori nei negozi di cannabis legali stanno cercando di ridurre i prezzi illegalmente.

Il Canada, il secondo paese più grande del mondo, prevede di legalizzare la cannabis in tutte le province. A tal fine è stata istituita una task force e già oggi è chiaro che la marijuana come droga ricreativa dovrebbe avere la stessa qualità della cannabis medica. Pertanto, i pazienti e gli utenti ricreativi non avrebbero differenze di qualità. Da un lato, questa è una buona notizia. Ufficialmente, ci sarebbe un mercato per due tipi di consumatori. D’altra parte, si pone la questione se gli stoners canadesi ne sarebbero soddisfatti.

Prodotti a base di cannabis

Oggi in Italia sono ammessi anche prodotti a base di cannabis di vario genere. Come l’olio di CBD, che si sta dimostrando un valido alleato in svariate situazioni.

Olio di cannabis e benefici per la salute

L’olio di cannabis ha alcuni importanti benefici per la salute:

  • Favorisce il sonno
  • Aumenta l’appetito.
  • Ha un effetto analgesico
  • Sopprime lo sviluppo del cancro.
  • Migliora la salute del cuore.
  • Si prende cura della pelle
  • Aiuta con mal di testa
  • Contrasta il glaucoma.

Un mercato di cannabis bipartito in Italia?

Si sta ancora aspettando la tanto dibattuta legalizzazione a tutti gli effetti della cannabis in Italia. La domanda che sorge spontanea è: verrà fatta distinzione tra cannabis medica e cannabis per uso ricreativo? E nel caso in cui venga legalizzato, come in Canada, un solo tipo di marijuana che dovrebbe soddisfare tutti quanti, i consumatori ricreativi ne rimarranno soddisfatti o continueranno ad alimentare il mercato nero? Non possiamo tuttora dare una risposta a queste domande, non ci resta che attendere gli sviluppi e le decisioni che verranno prese in materia per poterne valutare le conseguenze.

 

This article is also available in:
Medizinisches Marihuana vs Marihuana als FreizeitdrogeMedizinisches Marihuana vs Marihuana als Freizeitdroge