La cannabis come pianta medicinale: uso medico di olio di cannabis e olio di CBD

La cannabis come pianta medicinale: uso medico di olio di cannabis e olio di CBD

Canapa e cannabis: solo nomi diversi?

Nell’uso linguistico, i termini canapa e cannabis non sono solitamente distinti, sebbene la biologia li differenzi. Botanicamente, la pianta di cannabis appartiene alla famiglia della cannabis (Cannabaceae). Le tre specie più conosciute sono: cannabis sativa, indica e ruderalis. La pianta di cannabis contiene ingredienti psicoattivi, di cui il tetraidrocannabinolo (THC) ha l’effetto più forte. Solo la pianta femminile contiene THC in quantità sufficiente per l’intossicazione. Tra gli oltre 100 cannabinoidi presenti nella pianta ce ne sono altri che hanno un effetto psicoattivo come il THC ma meno forte e quest’ultimi non provocano intossicazione. I due cannabinoidi più importanti sono il THC e il cannabidiolo (CBD). Il CBD non provoca alcuna sensazione di “sballo”, quindi non è considerato psicoattivo. Le proporzioni dei singoli componenti dipendono dalle specie di cannabis e possono essere influenzate dalle condizioni della coltivazione della cannabis. Il CBD, il secondo cannabinoide prominente e presente in natura, è diventato sempre più il centro della ricerca medica negli ultimi anni. In un brevetto statunitense del 2002 (US 6610737 B1) è stata descritta l’importanza medicinale dei cannabinoidi non psicotropi per la protezione delle cellule nervose e per la prevenzione e l’alleviamento dell’infiammazione.

Sono noti una serie di effetti benefici nelle malattie. L’obiettivo dello sviluppo prevede nuove razze di canapa con un aumento del contenuto di CBD e una bassa concentrazione di THC. L’olio di tali piante ha il potenziale per influenzare positivamente una vasta gamma di malattie senza causare alcun effetto psicotropo.

Olio di CBD e olio di cannabis

I fiori e le foglie delle piante di canapa organiche sono utilizzati per la produzione di olio di CBD. Provengono da specie caratterizzate da un basso contenuto di THC. La coltivazione è soggetta a specifiche rigorose. La coltivazione biologica senza additivi chimici, senza pesticidi e senza modificazione genetica (prive di OGM, organismi geneticamente modificati) sono condizioni importanti. L’intero processo produttivo è strettamente controllato in modo che il prodotto finale risulti puro, naturale e biologicamente generato. Per i farmaci con cannabis vengono utilizzati cannabinoidi prodotti artificialmente o estratti vegetali in combinazione con altri composti chimici sintetizzati che si dice influenzino favorevolmente la malattia. Gli oli come prodotti della pianta di canapa sono offerti con vari nomi: canapa, cannabis, CBD e oli di THC. L’olio di canapa viene estratto dalla canapa. La canapa, spesso indicata come canapa industriale, non serve come pianta medica o farmaceutica. Viene coltivata per produrre fibre di canapa e olio di canapa dai semi. L’olio di canapa è usato come olio commestibile e deve essere distinto dal prodotto ottenuto dalle foglie e dai fiori e dall’elevato contenuto di THC dall’estratto di resina. Colloquialmente, l’olio di canapa termine è falsamente utilizzato anche per altri prodotti di cannabis e quindi rendere incertezza e confusione tra i consumatori.

Come suggerisce il nome, l’olio di THC, a causa della sua quantità di componente psicoattiva, è responsabile dello stato di intossicazione. Sia il CBD che l’olio di cannabis sono isolati da estratti di cannabis, ma da diverse specie della pianta. L’olio di cannabis è anche usato come termine generico per gli oli della pianta di cannabis che non sono stati prodotti dai semi. Le caratteristiche distintive dei diversi oli derivano dai livelli dei cannabinoidi contenuti, dal metodo di estrazione, dalla sottospecie di cannabis, dalle parti vegetali utilizzate e dall’origine dei prodotti. In questo contesto, è importante sapere che la nomenclatura in Europa differisce da quella negli Stati Uniti. L’olio di canapa e l’olio di CBD sono spesso sinonimi negli Stati Uniti. L’olio di CBD europeo può anche essere ottenuto dalla canapa. L’olio di cannabis statunitense a volte contiene THC, anche se in piccole quantità, a differenza dell’Europa. La dichiarazione sull’etichetta indica le proporzioni di THC e CBD. L’olio di cannabis è inebriante a causa delle quantità residue di THC. Il contenuto della CBD nei prodotti europei è spesso superiore a quello negli oli di canapa di altri paesi, come gli Stati Uniti. THC e CBD hanno in parte effetti opposti, ma in alcuni casi lavorano insieme in modo positivo sul metabolismo. Questo può essere utile per alcune malattie.

Per l’uso corretto dell’olio di cannabis, deve essere considerato il contenuto di CBD e THC. L’olio di CBD contiene il cannabinoide CBD come principio attivo ed è esente da THC -illegale in Italia.

L’acquisto di olio di CBD è in conflitto con le leggi italiane?

In Italia, il THC rientra tra le sostanze stupefacenti illecite. [1],[2]

La situazione è diversa però per il CBD. Sebbene appartenga alla stessa classe di sostanze del THC, non ha proprietà inebrianti, quindi non è psicotropo. La situazione legale riguardante il cannabidiolo è in costante evoluzione. Numerose restrizioni e peculiarità nella gestione portano all’incertezza tra i fornitori ed i consumatori. Il cannabidiolo è stato aggiunto al regolamento sui medicinali dall’inizio del 2017.[3] In Europa, l’olio di CBD è ottenuto dalla canapa e contiene meno dello 0,2 percento di THC. Pertanto, può essere prescritto come farmaco da un medico, ed è legalmente acquistabile senza prescrizione medica. Se il CBD è usato come medicinale, può essere ottenuto in farmacia senza prescrizione. Inoltre, potrebbe non essere pubblicizzato e non può essere data una promessa di cura se usato come farmaco. Se gli oli CBD sono offerti legalmente come integratore alimentare e prodotto cosmetico, la concentrazione di THC deve essere addirittura inferiore allo 0,2%. Un’occhiata alle informazioni  ed alle etichette protegge da brutte sorprese e dal pericolo di conflitto con la legge. Inoltre, il consumatore è sicuro finché possiede il CBD in quantità che soddisfano le sue esigenze. Un possesso di quantità maggiori promuovono il sospetto di commercio illecito.

Ingredienti nell’olio di CBD

La componente principale dell’olio CBD sono i cannabinoidi che agiscono su specifici recettori che influenzano vari processi metabolici. Inoltre, composti fenolici e flavonoidi forniscono le proprietà antiossidanti. Un altro gruppo di sostanze sono i terpeni, i responsabili di sapori ed odori di numerose piante. Chimicamente modificati, ad esempio per ossidazione, sono chiamati terpenoidi. I vari terpeni determinano il sapore di ogni pianta di cannabis e olio di cannabis ottenuto. Mentre in natura fungono come un richiamo per allontanare gli insetti. [4],[5]

Myrcene

Questo terpene è più comunemente rilevato nella cannabis, ma anche in altre piante. Descrivevano le sue proprietà antinfiammatorie, analgesiche e rilassanti. Il mircene aumenta l’effetto psicoattivo del THC .

Limonene

Il nome lo rivela già: è caratterizzato dal profumo di agrumi. È noto per le sue proprietà antibatteriche e fungicide. Può attraversare la barriera emato-encefalica e promuovere la capacità di concentrazione.

Linalolo

Questo terpene ricorda il profumo di lavanda e assicura la calma e la riduzione dell’ansia e del nervosismo. Può essere usato come aiuto per dormire e sostenere il trattamento dell’ansia.

Cariofillene

Il gusto piccante è tipico di questo terpene, che si trova in varie erbe e spezie come pepe nero e chiodi di garofano. L’ effetto antinfiammatorio e antidolorifico locale è stato tramandato nel trattamento del mal di denti con i chiodi di garofano. È l’unico terpene che interagisce con i recettori dei cannabinoidi di tipo CB2 del corpo.

Pinene

Il nome suggerisce l’odore dei pini ed è infatti simile a quello dei pini e degli abeti. Questo terpene è contenuto in molte piante. Ha un effetto anti-infiammatorio e dilata i bronchi.

Terpineolo

Il piacevole profumo di tiglio e lillà ne garantisce l’utilizzo nella produzione di cosmetici. Per le sue proprietà calmanti, è adatto come ausilio per dormire e nel trattamento di attacchi d’ansia ed eccitazione. Le varietà di cannabis con un alto contenuto di terpineolo spesso hanno un’alta concentrazione di pinene allo stesso tempo.

CBD:  gli effetti positivi nel trattamento di varie malattie

In linea di principio, la legge vigente proibisce di fare promesse o altre dichiarazioni specifiche relative alla diagnosi e al trattamento della malattia, poiché l’olio di CBD non è un medicinale. Tuttavia, sono stati pubblicati numerosi risultati di ricerca in cui sono stati descritti effetti su varie situazioni cliniche  [6] ,[7] . Questi includono:

  • Ansia , depressione [8]
  • Dolore
  • Parkinson
  • Epilessia
  • Sclerosi multipla
  • Reumatismi [9]
  • Cancro [10]
  • Emicrania
  • Fibromialgia
  • Depressione.

È interessante notare che i cannabinoidi sembrano anche aumentare l’efficacia di alcuni farmaci, come i citostatici9. Posseggono proprietà che riducono il dolore e la nausea e migliorano la condizione durante la chemioterapia. Gli effetti sui sistemi cardiovascolare, immunitario e nervoso offrono ulteriori possibilità di miglioramento quando sono fuori equilibrio a causa di malattia [11]. Sono stati aggiunti sempre più studi che descrivono gli effetti positivi associati a varie malattie.

Il dosaggio dipende da vari parametri, come la composizione e la forza del farmaco, la malattia e i singoli fattori. Le persone reagiscono in modo diverso agli oli. Nelle istruzioni per l’uso, un dosaggio basso viene generalmente raccomandato come linea guida. Alte dosi di CBD possono influenzare l’efficacia dei farmaci concomitanti. Con un aumento graduale della dose si è al sicuro. Raramente, si sentono secchezza e bruciore in bocca dopo l’assunzione. A causa dei suoi bassi effetti collaterali e del suo grande potenziale, l’olio di CBD può essere un’ulteriore possibilità nel trattamento di varie malattie, anche gravi.

[1] § 1 Narcotics Act (BtMG): ( https://www.gesetze-im-internet.de/btmg_1981/__29.html )

[2] Allegato I del BtMG:  https://www.gesetze-im-internet.de/btmg_1981/anlage_i.html

[3]  https://www.buzer.de/gesetz/12188/a201012.htm

[4]  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28120232

[5] Russo, EB (2011), Taming THC: potenziali sinergie di cannabis e effetti di entourage terpenoideo da fitocannabinoidi. British Journal of Pharmacology, 163: 1344-1364. doi: 10.1111 / j.1476-5381.2011.01238.x

[6]  http://www.cannabis-med.org/studies/study.php

[7]  https://www.medicaljane.com/

[8] Lee JLC, Bertoglio LJ, Guimarães FS, Stevenson CW. Regolazione del cannabidiolo dell’elaborazione delle emozioni e della memoria emotiva: rilevanza per il trattamento dei disturbi legati all’ansia e all’abuso di sostanze. Br J Pharmacol. 2017 Oct; 174 (19): 3242-3256. doi: 10.1111 / bph.13724. Epub 2017 mar 9. Recensione. PubMed PMID: 28268256; PubMed Central PMCID: PMC5595771.

[9] Miller RJ, Miller RE. La cannabis è un trattamento efficace per il dolore articolare? Clin Exp Rheumatol. 2017 Set-Ott; 35 Suppl 107 (5): 59-67. Epub 2017 set 28. Recensione. PubMed PMID: 28967368

[10] Ramer R, Hinz B. Cannabinoidi come farmaci antitumorali. Adv Pharmacol. 2017; 80: 397-436. doi: 10.1016 / bs.apha.2017.04.002. Epub 2017, 12 giugno. PubMed PMID: 28826542.

[11] Pisanti S Malfitano AM, Ciaglia E, Lamberti A, Ranieri R, G Cuomo, Abate M, Faggiana G, Proto MC, D Fiore, Laezza C. Bifulco M. cannabidiolo: Stato dell’arte e nuove sfide per terapeutico applicazioni. Pharmacol Ther. 2017 luglio; 175: 133-150. doi: 10.1016 / j.pharmthera.2017.02.041. Epub 2017 Feb 22. Recensione. PubMed PMID: 28232276.

 

This article is also available in:
Cannabis als Heilpflanze: medizinische Anwendung von Cannabisöl und CBD ÖlCannabis als Heilpflanze: medizinische Anwendung von Cannabisöl und CBD Öl