Pericolo dal laboratorio - la cannabis sintetica

Pericolo dal laboratorio – la cannabis sintetica

Cannabis, marijuana, hashish o erba – la pianta di cannabis è popolare e conosciuta tra le droghe. Tuttavia, con il crescere di questa tendenza, stanno emergendo varietà sintetiche che possono portare a rischi pericolosi. La cannabis sintetica, nota anche come “Spice”, “K2”, “Vorter” o “Pandora” ha meccanismi di azione pericolosi. In questo articolo spiegheremo come si differenzia dalla cannabis naturale e perché è molto più pericolosa.

La coltivazione della pianta di canapa avviene praticamente ovunque nel mondo. Per l’effetto stupefacente è rilevante in particolare la pianta femminile. Tuttavia, la coltivazione è punibile legalmente in molti paesi. Un’alternativa sembra essere la cannabis sintetica in circolazione da diversi anni. Inoltre, ci sono studi che affermano che l’olio di cannabis presente in natura potrebbe essere in grado di distruggere efficacemente le cellule tumorali. Cosa c’è dietro la pericolosa tendenza di “Spice” e simili? E come può la cannabis aiutare contro il cancro?

Natura vs. Laboratorio: ciò che distingue la cannabis e da dove proviene

La  pianta di canapa  è nota dal 2737 a.C. come  pianta medicinale. Originariamente utilizzata in Cina, la cannabis arrivò in Europa nell’undicesimo secolo. Fino al primo terzo del 20° secolo, la cannabis non era considerata una droga. Solo lo sviluppo delle medicine sintetiche ha gradualmente portato al bando della marijuana.

L’hashish e la marijuana si trovano principalmente sul mercato nero ed illegale della cannabis. Inoltre esiste anche la cannabis sintetica. I prodotti sono fumati, succhiati, mangiati, bevuti o inalati come vapore. Il termine cannabis sta ad identificare soprattutto l’uso medico della pianta. Nel settore terapeutico infatti, i principi attivi della pianta sono particolarmente rilevanti: i  cannabinoidi. Questi costituiscono la base per la produzione di cannabis sintetica.

Cannabis sintetica: il pericolo dal laboratorio

Nel corso degli anni ’80, la cannabis sintetica è stata inizialmente prodotta in laboratorio. Il  chimico John Huffman in origine cercò un rimedio per alleviare il dolore, in quanto questi prodotti potrebbero in effetti essere utili in condizioni di dolore cronico. Dovrebbe risolvere le convulsioni (ad esempio nell’epilessia). Gli esperimenti sugli animali hanno mostrato il successo della sua ricerca. Tuttavia i risultati dello scienziato sono finiti nelle mani dei narcotrafficanti.

Così la storia della droga di design ha preso il suo corso: i risultati sono stati utilizzati per creare “Spice“, “K2” e altre droghe sintetiche. Solo nel 2006 un tossicologo ha riconosciuto per la prima volta gli ingredienti attivi della ricerca di Huffmann sugli agenti psicotropi. L’ingrediente essenziale qui è il JWH-018. Il problema legale con la cannabis sintetica è la sua struttura molecolare.

In Italia, ad esempio, il THC è vietato ai sensi della legge sugli stupefacenti o richiede un permesso speciale, ad esempio, nel settore medico. Ma la facile personalizzazione della ricetta offre scappatoie legali, così che la cannabis sintetica resta sempre in circolazione. La cannabis sintetica disponibile illegalmente, tuttavia, differisce dalle droghe regolamentate, che usano cannabinoidi sintetici comprovati.

Sostanze pericolose in dettaglio: cannabinoidi sintetici

I principali ingredienti attivi della pianta di canapa sono i cosiddetti cannabinoidi. I due principali dei quali sono il THC ( tetraidrocannabinolo ) ed il CBD ( cannabidiolo ). Sebbene gli ingredienti attivi siano molto simili nella loro struttura di base, hanno effetti completamente diversi sull’organismo.

L’organismo umano ha un sistema endocannabinoide naturale. Contiene molte sinapsi e recettori in cui i cannabinoidi possono “agganciarsi” per avere un impatto. I recettori di solito controllano le funzioni corporee come il battito cardiaco o la capacità di concentrazione. Sia il THC che il CBD si legano a tali recettori nel cervello. Ma mentre il THC è responsabile del tipico stato di intossicazione, il CBD fornisce un effetto medico eccezionale.

Il CBD è l’ingrediente più attivo della pianta di canapa dopo il THC. Tuttavia, il cannabidiolo non è psicoattivo. Ecco perché il cannabidiolo è legalmente disponibile quasi ovunque nel mondo. Il principio attivo ha un effetto anticonvulsivo, anti-irritante, lenitivo e può anche avere un effetto benefico sui tumori. Dato che il CBD ha un effetto calmante sul corpo, attenua simultaneamente gli effetti inebrianti del THC – ed è questo il punto che rende la cannabis sintetica estremamente pericolosa.

Effetti della cannabis sintetica

In contrasto con la pianta di canapa presente in natura, la cannabis sintetica THC utilizza principalmente l’ingrediente attivo prodotto artificialmente JWH-018 . Questa sostanza differisce nella sua struttura dal THC. Il problema con il farmaco prodotto artificialmente deriva dai seguenti punti:

  • La purezza non è sempre garantita
  • Composizione non chiarita in modo affidabile
  • Gli effetti sul metabolismo umano sono in gran parte inspiegabili

Sebbene questi fattori sembrino allarmanti, molte persone consumano ancora cannabis sintetica. Gli ingredienti forniscono un  effetto più forte sui recettori dei cannabinoidi nel cervello. Mentre gli effetti del THC convenzionale in combinazione con CBD sono ben noti, questi sono più difficile da prevedere per il farmaco artificiale. In breve: la cannabis sintetica è meno prevedibile. In particolare, a causa della possibile contaminazione degli ingredienti e delle singole sostanze chimiche, esiste un elevato rischio per la salute, che nel peggiore dei casi può portare alla morte.

C’è un rischio molto maggiore di avvelenamento da cannabinoidi quando si usa la cannabis sintetica. Nei casi lievi questo porta a nausea con vomito o svenimento. Tuttavia, sono possibili e probabili effetti molto più gravi: insufficienza renale, alterata circolazione del cuore o psicosi non sono rari quando si utilizza la cannabis sintetica, nel peggiore dei casi, si può arrivare al decesso.

Inoltre, i sintomi dell’astinenza dopo aver consumato la cannabis sintetica non sono dissimili da quelli delle droghe pesanti come crack o eroina:

  • assenza di appetito
  • depressione e pensieri suicidi
  • psicosi
  • spasmi
  • nausea con vomito
  • diarrea
  • disturbi del sonno ed insonnia

Popolarità della cannabis sintetica – perché la gente usa la droga artificiale

La domanda inevitabile è: se è così pericoloso, perché così tante persone lo usano in tutto il mondo? Dal 2006, la droga di strada sta vivendo una vera e propria ripresa. Sebbene sia più pericolosa della marijuana a crescita naturale, è molto popolare. Quali sono le ragioni?

Da un lato, è facilmente accessibile. La grande varietà di combinazioni di principi attivi  consente di volta in volta un farmaco legalmente accessibile. Inoltre, molti consumatori sono poco informati. Non sanno quanto sia dannoso e pericoloso questo farmaco creato artificialmente. Spesso questi individui non hanno i mezzi necessari per conoscere gli effetti dei cannabinoidi sintetici rispetto a quelli della pianta naturale. Per questi motivi, i consumatori sono spesso erroneamente convinti che questa droga creata artificialmente sia “più sicura” o meno rischiosa della cannabis naturale.

Olio di CBD in medicina

La cannabis sintetica è una droga pericolosa. Tuttavia, ci sono i cosiddetti  agenti cannabinoidi sintetici regolamentati, che servono puramente a scopi medici. Ad esempio il principio attivo CBD, il cui olio è derivato dalla fioritura della pianta di canapa e dalle foglie.

La scienza sta ricercando questo farmaco e ora ci sono molti studi sui benefici contro certe malattie. Ad esempio, gli scienziati hanno a lungo concordato sul fatto che il CBD e il prodotto naturale dell’olio di CBD hanno effetti positivi. Con ogni probabilità, aiuterà contro convulsioni, spasticità, schizofrenia, morbo di Crohn e altre malattie autoimmuni.

Particolarmente sorprendenti sono i numerosi studi sull’olio di canapa. Questi suggeriscono il sospetto che l’olio sia un aiuto efficace per vari  tipi di cancro. In particolare, la riduzione della nausea e l’effetto di potenziamento dell’appetito aiutano ad alleviare i sintomi della chemioterapia. Ultimo ma non meno importante, il CBD dovrebbe agire in modo distruttivo sulle cellule tumorali.

Conclusione: i pericoli della cannabis sintetica

Uno sguardo più ravvicinato alla cannabis prodotta sinteticamente rivela il grande pericolo rappresentato da questo farmaco. Gli ingredienti attivi, che mostrano effetti molto più forti rispetto a quelli della pianta di canapa naturale, confermano il rischio per la salute. Il principale responsabile di ciò è il principio attivo THC, il tetraidrocannabinolo. Questa sostanza è responsabile dello stato di intossicazione che segue l’assunzione del farmaco.

A causa della proprietà psicoattiva la marijuana, l’hashish, l’erba ed il fumo e gran parte dei derivati della cannabis sono illegali. La cannabis sintetica, tuttavia, è altamente mutevole nella sua struttura molecolare, così che la legalità è quasi sempre possibile. Tuttavia, molte persone sottovalutano i rischi per la salute a causa della presunta legalità.

Questo articolo ha mostrato quanto sia nociva e potenzialmente letale la cannabis sintetica, quindi qualsiasi droga di moda come Spice, K2 o Pandora dovrebbe essere evitata. In contrasto con questi intossicanti, il principio attivo CBD è ritenuto avere un valore medico, in particolare, nella terapia contro il cancro e l’AIDS.

 

This article is also available in:
Gefahr aus dem Labor – Designerdroge synthetisches CannabisGefahr aus dem Labor – Designerdroge synthetisches Cannabis