CANNABIS MEDICA: COSA C'È DIETRO

CANNABIS MEDICA: COSA C’È DIETRO

La cannabis in tutte le sue forme, compreso il suo utilizzo terapeutico, deve purtroppo fare sempre i conti con la sua cattiva reputazione. Fino ad ora, è stata legalizzata solo in alcuni paesi, ad esempio in Finlandia, Spagna, Canada, ed in 25 stati degli Stati Uniti d’America.

L’uso della cannabis come medicinale ha tuttavia origini antichissime a millenni prima di Cristo. A quel tempo, le persone consideravano le piante molto preziose e non solo a livello di cibo. Grazie ad un libro erboristico cinese dell’imperatore Shennong , si hanno prove che la cannabis veniva utilizzata in medicina già nel 2700 a.C.

La cannabis spesso fungeva da parte integrante in molti rimedi. Sia come rimedio per l’indigestione, sia come sciroppo per la tosse o antidolorifico. Dopo gli oppiacei la cannabis medica era l’estratto vegetale più prescritto. Nella prima metà del 20° secolo, tuttavia, la pianta fu bandita in molte parti del mondo.

Fortunatamente, i benefici della cannabis sono riemersi negli ultimi decenni. Ad oggi, molti pazienti scelgono il trattamento con la cannabis naturale piuttosto che altri medicinali sintetici tradizionali.

Cosa si intende per cannabis medica?

La particolarità di questa pianta è che contiene oltre 480 sostanze diversi. La ricerca ha permesso di isolarne 113. I cannabinoidi della pianta sono responsabili di molti effetti positivi sull’organismo, in quanto interagiscono con i recettori del sistema endocannabinoide (ECS) presente in ogni mammifero. I recettori si trovano in tutto il corpo, inclusi il cervello, gli organi ed il sistema nervoso.

L’industria farmaceutica ha cercato con successo di produrre artificialmente i vari composti chimici della cannabis. Di norma, le medicine sono infatti fabbricate con cannabinoidi artificiali. In aggiunta a questi ingredienti sintetici, vengono inseriti anche altri composti chimici che possono spesso produrre forti effetti collaterali. Ma perché l’industria farmaceutica sta cercando di sintetizzare le sostanze vegetali? Sfortunatamente ciò è dovuto al fatto che le piante non possono essere brevettate e quindi non possono essere vendute a farmaco, i composti chimici devono dunque necessariamente essere fabbricati artificialmente.

Ci sono tuttavia medicinali contenenti cannabinoidi naturali che vengono estratti dalla pianta. Questi sono però spesso combinati con sostanze artificiali per garantire la migliore corrispondenza per alcune malattie. Infine, ci sono prodotti a base di cannabis contenenti esclusivamente ingredienti naturali. Queste sostanze vengono estratte dalla pianta e si presentano solitamente sotto forma di tintura o olio. Ciò garantisce che tutti i componenti della pianta siano preservati ed il rimedio rimanga il più naturale possibile.

Quali sono le ultime ricerche sulla cannabis medica?

La ricerca moderna sulla cannabis è iniziata nel 1964, isolando il principale cannabinoide delta-9-THC. Nel 1980 fu scoperto il sistema endocannabinoide, rendendo comprensibili i vari effetti dei fitocannabinoidi sull’organismo dei mammiferi. Il principio attivo THC può essere prescritto dal 1998 sotto forma di farmaci sintetici. La produzione effettiva di cannabis medica è stata autorizzata nel 2011. Per la prima volta è stato possibile utilizzare le parti di piante naturali. In Italia, un paziente può ricevere la cannabis medicinale su prescrizione dal 2017.

Attualmente sono in corso numerosi studi e ricerche sulla canapa; tuttavia, solo pochi forniscono risultati utili a dimostrazione degli effetti benefici. Dal trattamento con la cannabis sono stati rilevati un sollievo da spasticità dolorosa a causa di sclerosi multipla, così come diminuzione di nausea e vomito durante la chemioterapia ed un aumento dell’appetito.

Una particolare attenzione nella ricerca riguarderà il trattamento dei pazienti oncologici. Da un lato viene osservata la diminuzione degli effetti collaterali della chemioterapia, come vomito e nausea; dall’altro, gli esperimenti puntano a dimostrare l’efficacia dei cannabinoidi contro la crescita delle cellule tumorali e la riduzione delle metastasi.

Uso dell’olio di canapa in varie malattie

L’olio di cannabis ha molte proprietà curative, alcune delle quali sono state dimostrate con studi significativi.

Al giorno d’oggi lo stress è uno dei maggiori problemi nel mondo frenetico. Lo stress cronico causa spesso  disturbi d’ansia e problemi di sonno  . L’olio di cannabis può essere usato per calmare la mente e ridurre lo stress. Secondo uno studio del 2013, l’olio di cannabis può essere utile anche dopo esperienze traumatiche, perché i cannabinoidi che contengono aiutano a ridurre i recettori dello stress nel cervello.

Un altro uso dell’olio di cannabis è l’uso di  disordini alimentari . Se si desidera aumentare dopo una lunga e dura malattia o se si soffre di un disturbo alimentare, l’olio farà sì che l’appetito sia stimolato o diminuito. A seconda di quale ormone è stimolato dai cannabinoidi, può quindi essere naturalmente diminuito o diminuito.

Alcune ricerche scientifiche mostrano anche che l’uso di olio di cannabis può aiutare con  le malattie degli occhi . Soprattutto nelle malattie della retina come la degenerazione maculare e il glaucoma. L’olio può aiutare a ridurre la pressione intraoculare, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

La cannabis è stata usata per il dolore e l’infiammazione  per millenni  . I cannabinoidi contenuti nell’olio assicurano che la trasmissione neuronale del dolore sia inibita. Secondo l’uso di olio di cannabis, specialmente i pazienti oncologici sottoposti a chemioterapia, forniscono sollievo. Ma anche con la fibromialgia, una malattia autoimmune cronica, l’olio può contribuire al sollievo.

Nel 2014 sono state effettuate le prime indagini per chiarire la questione se l’  olio di cannabis può aiutare con le malattie cardiovascolari . Lo studio mostra che i cannabinoidi influenzano positivamente i vasi sanguigni, cioè i vasi si rilassano e si espandono. Attualmente, tuttavia, la ricerca è ancora agli inizi, motivo per cui non è possibile formulare una dichiarazione concreta sull’effettivo effetto a tale riguardo.

L’olio di cannabis può essere utilizzato anche per  problemi di pelle  come acne, eczema o rosacea. Gli ingredienti hanno una proprietà antiossidante che aiuta a combattere i radicali liberi e ridurre il danno cellulare.

I cannabinoidi contenuti nell’olio di cannabis possono fare molto di più. Ci sono già alcuni studi che dimostrano che riducono la crescita delle cellule tumorali, il che a sua volta porta a inibire o prevenire le metastasi. In breve, l’olio di cannabis può aiutare a ridurre il rischio di fuoriuscite di corpo. Tuttavia, questo richiede molti più studi significativi a lungo termine.

Uno studio pubblicato nel Journal of Neuroscience mostra che l’olio di cannabis può anche avere un effetto positivo sull’Alzheimer . I cannabinoidi portano il processo degenerativo della malattia a un punto morto. Va notato, tuttavia, che mentre impedisce la rapida progressione della malattia, ma non può essere curata. Questi risultati sono stati confermati anche da altri studi.

Un piccolo studio afferma inoltre che l’olio di cannabis può anche aiutare a fumare. Ai soggetti venivano somministrati placebo o olio di cannabis. Coloro che hanno ottenuto il vero principio attivo hanno meno voglia di prendere una sigaretta rispetto al gruppo di controllo. Tuttavia, mancano anche studi a lungo termine per confermare la loro efficacia.

conclusione

In conclusione, la cannabis medicamente utilizzata, a differenza delle medicine convenzionali, ha meno effetti collaterali. Non vediamo l’ora di vedere quali ricerche portano a nuovi approfondimenti nei prossimi anni.

Fino ad allora, bisogna fare attenzione che i prodotti di cannabis siano usati o acquistati, che consistono solo di ingredienti puramente vegetali della pianta medicinale.

 

This article is also available in:
Medizinisches Cannabis – Was steckt dahinterMEDIZINISCHES CANNABIS – WAS STECKT DAHINTER